Spaghetti e “qualeddu”

Il “qualeddu” è una verdura spontanea, tipo le cime di rapa, ma selvatica che nasce sotto agli ulivi e alle viti, principalmente in alcune parti della Sicilia.

Si chiama Brassica fruticulosa in botanica, mentre popolarmente è chiamata cavolicello, cavoliceddu o qualeddu nel trapanese. Dal sole della Sicilia è arrivata nelle nebbie padane, è come un miracolo vedere questa pianta così verde, con dei fiorellini gialli già sbocciati…

foto di Lastufaeconomica Nadali.

Ha un gusto piacevolmente amarognolo, tenero e poi fa molto bene alla salute. L’ho preparata con gli spaghetti e questa è la ricetta:

Ingredienti:

  • due mazzi di “qualeddu”
  • passata di pomodoro
  • aglio
  • quattro acciughe sott’olio,
  • un poco di pangrattato
  • olio e poco sale
  • 150 gr di spaghetti
  • acqua q.b.

Prima ho fatto bollire brevemente i qualeddu, poi ho messo in una padella larga un poco di olio, uno spicchio di aglio, i qualeddu, la passata di pomodoro, il pangrattato e le acciughe.

??????????

Ho aggiunto gli spaghetti sopra e un poco di acqua, non molta perchè la rilascia già la verdure.

Ho messo il mio coperchio New Wonder, ho acceso a fuoco alto fino a che non è uscito il vapore dai fori, poi ho abbassato al minimo e dopo 12 minuti era tutto pronto.

??????????

Veramente una scoperta, un sapore molto gustoso. Se non si trovano i qualeddu si può preparare anche con le cime di rapa o, in primavera, con le erbe spontanee che crescono nei prati.

8 pensieri su “Spaghetti e “qualeddu”

  1. CIAO!! Hai ragione è quasi un miracolo che si trovi al nord .. quest’erba spontanea è infatti tipica soprattutto delle zone dell’Etna!

  2. …ma è tipo le “ricciotte” che si trovano da noi in campagna?Mio suocero con quelle faceva un polpettone molto buono!!ciao

  3. Qui in provincia di catania ,abbiamo una verdura spontanea tipica di questo periodo sino a pasqua,io ci faccio gli spaghetti e anche delle frittate buonissimi ,noi li chiamiamo !AMAREDDI”
    in altri paesi li chiamano “Mazzareddi”,io ne uso sia le cime che le foglie che adesso sono tenerissime.
    Un abbraccio
    liù

    1. Guarda, mi è arrivata, preparata e consumata tutta, acc. potevo metterne un po’ in congelatore, no, così mi è rimasta la voglia. Provala con la pasta. Abbraccio

I commenti sono chiusi.