“L strasc’nat” con cime di rape

Standard

Oggi andiamo di ricetta pugliese: ” L strasc’nat” con cime di rape.

Gli Strascinati sono una sorta di orecchiette, specialità tipica di Puglia e Basilicata, ma molto più grandi e aperte. È una pasta in uso nella cucina pugliese e in quella lucana. Si tratta di una preparazione di pasta fresca, senza uovo, come si usa in tutto il meridione d’Italia.

Il termine nasce proprio dal metodo di creazione con cui la pasta prende forma quando viene strascinata sul tavolo di lavoro. La ricetta tradizionale barese prevede la sua cottura con le cime di rapa, un ortaggio che contiene ferro, calcio, fosforo, vitamina A e C e un elevato contenuto di polifenoli.

Le origini non sono da ricercarsi in Puglia, ma molto probabilmente nella zona provenzale francese, dove fin dal lontano Medioevo si produceva una pasta simile utilizzando il grano duro del sud della Francia. Si trattava di una pasta molto spessa e a forma di dischi, incavata al centro mediante la pressione del dito pollice: questa forma particolare ne facilitava l’essiccazione, e quindi la conservazione per fronteggiare i periodi di carestia. Sembra anche che ne venissero imbarcate grandi quantità sulle navi che si accingevano ad affrontare lunghi viaggi. In seguito, sarebbero state diffuse in tutta la Basilicata e la Puglia con il loro nome attuale dagli Angioini, dinastia che nel Duecento dominava le terre delle regioni.

Avendo acquistato delle freschissime cime di rapa ho pensato di provare a fare questi strascinati, mi perdonino gli amici pugliesi se non sono venuti proprio come li fanno loro, ma è la prima volta. In ogni caso io sono soddisfatta, come quando preparo qualcosa che mi appassiona.

strascinati

strascinati (2)

INGREDIENTI:

per la pasta:

  • 500 gr di farina di semola di grano duro
  • 100 gr acqua

l’ho impastata con la planetaria fino a che è diventata un pasta liscia e lavorabile.

per il condimento:

  • 80 gr di olio oliva
  • 2 spicchi di aglio
  • 4 filetti di acciuga
  • 400 gr di cime di rapa (pulite)
  • sale pepe
  • pecorino o parmigiano

Far soffriggere l’aglio in olio, aggiungere i filetti di acciuga, poi togliere e mettere il tutto in una padella a parte.

Cuocere in acqua leggermente salata le cime di rapa per circa 10/15 min, poi aggiungere “l strasc’nat” e continuare la cottura.

Scolare poi la pasta con le cime di rapa e versare il tutto nella padella dove si trovano olio, aglio e acciughe, farle saltare per pochi minuti, aggiungere il pepe e spolverare con il pecorino.

Ecco il risultato, molto buoni. ( il pecorino è stato messo dopo…ooppss…)

strascinati cotti

 

Annunci

Una risposta »

  1. Ciao Marika questa la conosco molto bene e la mangio non appena vado in Puglia ,due volte all’anno sicuramente amo questo piatto e tu sei stata brava a farlo.Complimenti!
    Ciaooo a presto@

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...