Arquebuse

Standard

dscn3779

In quel di Macugnaga ho ritrovato anche la pianta dell’arquebuse, dai bellissimi fiori gialli, ed era tanto che non li vedevo.

Vale la pensa soffermarsi un attimo su questa pianta, Tanaceto (Tanacetum vulgare), Il nome generico derivato dal latino medioevale “tanazita” che a sua volta deriva dal greco ”athanasia” (= immortale, di lunga durata) probabilmente sta a indicare la lunga durata dell’infiorescenza di questa pianta; in altri testi si fa riferimento alla credenza che le bevande fatte con le foglie di questa pianta conferissero vita eterna.

 Fonti storiche parlano dell’arquebuse intorno alla fine del secolo XVII. Sicuramente prodotto originariamente in Francia, nella zona di Lione e del Rhone-Alpes, nacque nei monasteri. Il significato del nome ha più spiegazioni: dall’uso curativo sulle ferite da archibugio,

Risultati immagini per arquebuse

alla sensazione che si ha dopo averlo bevuto, a causa dell’alta gradazione alcolica.

Risultati immagini per arquebuse

Per molti anni il tanaceto è stato impiegato come erba medicinale. Un’usanza irlandese della metà dell’Ottocento suggerisce un bagno in una soluzione di tanaceto e sale come cura per i dolori articolari. Biscotti al tanaceto erano serviti durante la Quaresima per prevenire i vermi intestinali, infatti si aveva l’errata credenza che il consumo di pesce durante questo periodo, provocasse l’insorgere dei vermi. È da notare che soltanto Tanacetum vulgare è impiegato nelle preparazioni mediche, ché tutte le altre specie di tanaceto sono tossiche, e un sovradosaggio può essere fatale. Nella medicina alternativa, le foglie essiccate di tanaceto sono usate per trattare l’emicrania, nevralgia e il reumatismo, su prescrizione di un erborista competente per evitare una possibile tossicità.

In particolare a questa pianta vengono associate le seguenti proprietà : amare, toniche (rafforza l’organismo in generale), digestive, elimina i vermi intestinali, astringenti (limita la secrezione dei liquidi),  abbassa la temperatura corporea, guarisce le ferite e riduce o elimina la cefalea e l’emicrania.

La ricetta originale prevede l’uso di sette foglie e di un fiore messi a macerare in alcool puro, senza aggiunta di zucchero; e da qui la potenza digestiva del liquore. Invece l’Alpestre, altro nome del liquore prevede l’uso di varie erbe alpine e di sciroppo di zucchero.

Immagine correlata            Risultati immagini per arquebuse

L’Arquebuse è utilizzato anche per preparare caramelle balsamiche

Risultati immagini per arquebuse

e cioccolatini ripieni, e può essere consumato in qualsiasi momento ed in vari modi: puro, come digestivo, come correttore del caffé, come rilassante caldo, come dissetante con alcuni cubetti di ghiaccio, come “grog” miscelando acqua bollente al distillato ed, eventualmente, dolcificando con zucchero o miele.

Nello stesso prato c’era questo cartello:

dscn3777

 

Immagine correlata            UOMO AVVISATO……….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...