Archivio mensile:agosto 2020

Agosto, blog mio non ti conosco…

Certo, dovevo scriverlo all’inizio e non alla fine di agosto, ma il tempo che scorre, tante cose da fare visto che il tempo è bello, cucinare con poche ricette nuove che non vale la pena di pubblicare,  programmare una vacanza di una settimana, ma andarci al mattino 🚗 e rientrare a casa alle 15.30 del pomeriggio…..tutto fa per lasciare il blog in soffitta.

Bene, ora per me l’anno nuovo, inizia il primo di settembre, cioè martedì prossimo, quindi fino ad allora io sono in vacanza. (a casa ovviamente…)👍  poi si riprende….

 

Decreto agosto, fondo casalinghe: solo 40 centesimi a testa - Corriere.it

 

Vuoi imparare a cucinare? Prova con un corso di cucina! | PG Magazine

Schio. Cucinare sano e guadagnare salute. Al via il corso di cucina della  Ulss 7

Allora, a presto e buona fine estate a tutti. 🧡💛💚💙💜

Le mie crescentine

Crescentina è un prodotto agroalimentare tipico dell’Emilia, ed è conosciuta anche con altri nomi.

Ad esempio: si chiama crescentina quella di Bologna,  torta fritta a Parma, gnocco fritto a Modena e Reggio Emilia, pinzino a Ferrara e chisolino a Piacenza. Più o meno sono simili, ed è una pasta lievitata e fritta.

Mi sono cimentata nella preparazione, semplice, ma va curata sia nell’impasto che nella cottura. Non essendo emiliana, temevo di non esserne in grado, vista la faccia del marito, emiliano doc e quindi fervente custode delle tradizioni . Ma sono riuscite mooooolto bene, a detta anche degli amici e quindi ora sono emiliana anch’io a tutti gli effetti.

Usb Pubblico Impiego: Soddisfazione e …. una punta di preoccupazione

Ed ecco le mie crescentine: (ricetta tratta da un libro di tradizioni emiliane)

INGREDIENTI:

  • 500 gr di farina
  • 50 gr lievito di birra
  • un cucchiaio di olio di oliva
  • 1 cucchiaino di sale
  • mezzo bicchiere di latte
  • per friggere
  • 50 gr di strutto
  • 1 litro di olio di semi di arachide

Mescolare la farina, il sale, l’olio, il lievito e il latte fino ad ottenere un impasto consistente. Farlo riposare per un’oretta in una ciotola coperta, poi con il matterello tirare una sfoglia alta circa 5 millimetri.

Tagliarla a rombi, o come vi pare…

e dopo aver messo in una padella bassa lo strutto e l’olio, friggere la crescentina, e quando assume un colore dorato e si gonfia, girarla delicatamente sull’altro lato.

Quindi metterla su carta da cucina o quella apposita per i fritti in modo da assorbire l’unto eccessivo.

Usando una piccola parte di strutto le crescentine non saranno nè unte nè pesanti, ma assumeranno il loro gusto caratteristico.

Si accompagnano bene con i salumi, il parmigiano reggiano e i formaggi freschi, e….naturalmente con un bicchiere di Lambrusco.

E sono come le  ciliegie, una tira l’altra.