Archivi tag: Farina manitoba

Le mie baguettes

Ecco qui le mie baguettes, in uno stampo come quello che una mia amica aveva acquistato in Francia. Mi sono detta, eh no, voglio anch’io tutte le novità e poi mi sembrava una teglia “furba”. L’ ho trovata, acquistata, provata ed ecco il risultato:

baguette

INGREDIENTI:

  • 300 gr di acqua a temperatura ambiente
  • un cubetto (25 gr.) di lievito di birra
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 500 gr di farina Manitoba
  • 1 cucchiaino di sale
  • 10 gr di olio di oliva

Ho usato il Bimby, ma come al solito si può impastare a mano. Versare nel boccale l’acqua, il lievito e lo zucchero, 20 sec. vel. 2

Aggiungere la farina e il sale ed impastare 5 min, funzione boccale vel. spiga. Togliere l’impasto e formare una palla, spennellarla di olio.

Mettere l’impasto a lievitare in una ciotola per circa 60 min. poi lavorarlo brevemente e dividere l’impasto in tre filoncini, dando la forma di una baguette.

Disporre le forme sulla placca del forno, nel mio caso nello stampo, coprirle con un telo e lasciar lievitare ancora per circa 90 min. Io, avendo il forno tiepido, le messe a lievitare lì e ci hanno impiegato circa 60 min.

Spennellare le baguetts con acqua tiepida, incidere con tre tagli diagonali e spolverizzare con un po’ di farina bianca.

Cuocere in forno preriscaldato, se ventilato a 200°, se statico a 220° per circa 20 min. Io poi le ho lasciate ancora a forno spento per circa 10 min, per renderle più croccanti.

Con questa ricetta partecipo al contest “Panissimo” ideata da Sandra e Barbara, questo mese ospite di Michela.

Quanti modi di fare e rifare…pane allo zafferano

Questa volta,con tutte le Cuochine, siamo andati addirittura nel Gloucestershire per rifare una ricetta molto particolare di Euan, il pane allo zafferano.

Io penso sia  particolare perchè sono dei panini che si sposano bene con un buon the, almeno io ho provato così.

Ho voluto “rifarli” anch’io, ho fatto dei panini ed un pane intero, che è molto buono a fettine con del burro spalmato.

002

questa è la sua ricetta, a fianco le mie modifiche:

  • Un pizzico grande di filamenti di zafferano ( 1 cucchiaino di curcuma)
  • 1 cucchiaio di acqua bollente (omesso)
  • 150ml di latte
  • 125 g di burro non salato (100 gr.)
  • 100 ml d’acqua
  • 600 g di farina bianca per pane (Manitoba)
  • 5 g di sale marino fine
  • 7g di lievito di birra secco di azione veloce (preferibile lievito di birra in panetto)
  • 85 g di zucchero semolato
  • 1 uovo medio
  • 200 g di uva passa (200 gr frutta secca mista)
  • 2 cucchiai di miele per la glassa (facoltativo) (albume)

Ho fatto scaldare il latte, poi ho sciolto il burro nel latte ed ho aggiunto la curcuma, ho fatto raffreddare, poi in una ciotola ho messo la farina, il lievito e lo zucchero, ho aggiunto il latte completo e il sale. Dopo aver impastato bene ho aggiunto la frutta secca mista.

Ho lasciato lievitare per un paio d’ore.

Poi ho diviso la pasta, metà ne ho fatto panini che ho messo sulla teglia del forno e l’altra metà l’ho messa in uno stampo rettangolare.

Ho spalmato dell’albume e aggiunto dei pezzetti di frutta secca sul pane intero.

Ho lasciato ancora lievitare, poi nel forno statico a 200° per circa 30 min.

Buoni per colazione e anche per spuntino.

Con questa ricetta partecipo a: “Quanti modi di fare e rifare”

per il mese di ottobre 2013

LA NOSTRA CUOCHINA

Quanti modi di fare e rifare la BUGHATSA

007

Ed eccoci a  SALONICCO, nella cucina di Marina, che gentilmente ci ospita per il consueto appuntamento mensile del “Quanti modi di fare e rifare”.

SALONICCO – l’antica Tessalonica (nome ufficiale della città), è la seconda città della Grecia per numero di abitanti.  È chiamata ufficiosamente  co-capitale, titolo d’onore in quanto, accanto a Costantinopoli era la co-regnante dell’Impero Bizantino. La città presenta diverse tracce della dominazione ottomana e della comunità ebraica, che prima della seconda guerra mondiale, era una delle più numerose d’Europa, oltre che numerosissimi esempi di architettura bizantina e paleocristiana, che sono stati nominati patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Salonicco è l’altra città greca che desidero visitare da tempo, insieme a tutte le altre bellezze della Grecia.

Passiamo ora alla ricetta di questo delizioso dolce di Salonicco,qui la ricetta originale di Marina – http://illaboratoriodimmskg.blogspot.gr/2012/01/bughatsa-dolce-da-salonicco-bughatsa.html

e questa è la mia versione:

per la pasta sfoglia:

  • 200 gr farina Manitoba
  • 175 gr. farina OO
  • 200 gr di acqua
  • 1 cucchiaio di aceto bianco
  • 2 cucchiai di olio di semi
  • 1 cucchiaino di sale
  • 200 gr di burro a temperatura ambiente.

Non ho usato la crema come nella ricetta originale, ma la mia marmellata di mele e pesche.

zucchero a velo profumato di cannella.

Ho preparato una sfoglia di circa 50×50,  ho messo la marmellata sopra ed ho ripiegato a busta, poi ho messo la “busta” dalla parte liscia nella teglia, ho solamente spruzzato con un po’ di acqua tutto il dolce.

Intanto avevo acceso il forno a 250°, poi quando l’ho infornato ho abbassato a 230°, dopo un quarto d’ora ho nuovamente abbassato a 200 °, lasciandolo cuocere per circa 15 min.

L’ho lasciato raffreddare un poco e poi l’ho tagliato a quadrotti e l’ho cosparso di zucchero a velo profumato alla cannella, così viene mitigato un poco il sapore leggermente agro dato dall’aceto. L’abbiamo assaggiato subito, ma dopo qualche ora il sapore era veramente delizioso.

Con questa ricetta partecipo a “Quanti modi di fare e rifare”, organizzato da Anna e Ornella.

LA NOSTRA CUOCHINA