Archivi tag: vino

Sua Eccellenza “Il Cotechino”

Il cotechino, re dei pranzi di fine o inizio anno insieme alle lenticchie (che porterebbero fortuna) è un insaccato consumato cotto, è originario del Friuli-Venezia Giulia, ma diffuso poi in tutte le regioni del nord Italia, è un piatto abbastanza famoso insieme all’ inseparabile compagno lo Zampone di Modena. Deve il suo nome alla cotica, la cotenna di maiale, e prende nomi locali a seconda della zona in cui viene prodotto.

cotechini

La tradizione vuole che Mastro Geppetto, insieme ad alcuni amici, lo prepari in questo periodo.

IMG_0044Su gentile richiesta (dai, per favoooore…) sono riuscita ad avere la ricetta con la quale vengono confezionati, eccola: (per ogni chilo di impasto)

  • spalla di maiale 20%
  • capocollo 20%
  • pancetta 10%
  • cotenne 50%
  • mezza lingua di maiale (a piacere)
  • 33 grammi di sale fino
  • 1 grammo di pepe macinato
  • aglio
  • vino secco (bianco o rosso, qui rosso)

tagliare la carne e macinarla, metterla larga in un contenitore, sopra spargervi prima il sale e poi il pepe, non mescolare. Prendere una pezza di cotone (lino o canapa), mettere dentro degli spicchi di aglio,  chiudere e battere in modo da spappolare l’aglio, riaprire la pezza e versare dentro il vino, strizzare il vino sull’impasto. Quando è strizzato tutto, mettere da parte la pezza e mescolare la carne.

Imbudellare (non usare budelli naturali perchè rilasciano un cattivo odore) di circa 500/600 gr di impasto l’uno. Appendere al fresco, dopo due o tre giorni sono già pronti. Si conservano sottovuoto in frigorifero.

SOPRACOSCE DI POLLO CON….

…con carciofi e aceto balsamico.

Non è che io ami molto il pollo, ma ogni tanto ci vuole e allora come? Impanato, arrosto, al cartoccio? Ma no, oggi ho “creato” man mano che lo preparavo.

Ingredienti:

  • 4 sopracosce di pollo
  • 6 carciofi piccoli
  • 1 porro
  • farina per infarinare
  • vino bianco secco
  • aceto balsamico (tipo crema)
  • olio e burro
  • sale e pepe

Prima di tutto pulire bene le sopracosce togliendo la pelle e il grasso, poi infarinarle.

Mettere i carciofi a cuocere a vapore, io l’ho fatto nel microonde per 6 minuti a 750.

Tagliare il porro a rondelle e metterlo a rosolare in una padella con olio e burro, poi adagiare le sopracosce e farle rosolare rigirandole, unire il vino e alzare la fiamma per sfumare un poco.

Salare, pepare e mettere il coperchio.

A metà cottura aggiungere i carciofi tagliati a metà e l’aceto balsamico, a fine cottura si otterrà una crema che, dopo aver messo il pollo e i carciofi nel piatto, si potrà versare sopra.

E’ un piatto tendente al dolce, ma “gli” è piaciuto molto, per cui ho la sua “approvazione”…..