Archivio mensile:luglio 2019

Cassettiera per penne

Ebbene sì, un’altra mia collezione è quella delle penne pubblicitarie. Delle varie aziende, medicali, di alberghi, ristoranti, di varie iniziative, aeroporti ed anche ne ho due di un’impresa di pompe funebri (non le vuole nessuno, ma io così ho una rarità). Vengono da tutto il mondo perchè ormai l’ho talmente detto a tutti che nessuno viene a trovarmi senza delle penne per me.

Mettile nelle scatole, riempi dei cassetti, insomma alla fine non le potevo tenere confuse, il bello è separarle per argomento, poterle riguardare ed allora Mastro Geppetto (Mauro) si è ingegnato e mi ha costruito una bellissima cassettiera per contenerle tutte o quasi.

Risultati immagini per penne biro pubblicitarie

Ha recuperato dei vecchi cassetti di una merceria, quelli che contenevano i rocchetti di filo, ne ha costruiti altri simili e tutto il corpo per contenerli.

E i cassetti hanno tutti dei separatori per suddividere le penne secondo argomento.

 

questa viene da Perugia ed è una tazza rovesciata dalla quale esce della cioccolata, naturalmente il corpo penna è…la cioccolata..

 

particolari

 

in prima fila quella della Juve…glielo dovevo dopo tutto questo lavoro.

Dimenticavo… per ora sono a quota mille10.

 

 

 

 

 

Annunci

Confettura di melone

IL MELONE – (Cucumis melo)

Risultati immagini per melone

E’ di probabili origini africane o, a seconda di altri, dell’antica Persia, nel secolo V a.C. ,ma furono gli Egizi che lo esportarono nel Mediterraneo.

A. Dumas apprezzava molto i meloni della città di Cavillon (Francia) e fece richiesta alla biblioteca della città per uno scambio tra le sue opere e una rendita vitalizia di 12 meloni l’anno, e così avvenne fino alla sua morte.

E’ un ottimo frutto, rinfrescante e gustoso, contiene molta vitamina A ed E e potassio e fosforo. Idrata il corpo ed elimina le tossine per cui fa molto bene anche alla pelle, è un antiossidante naturale, regola la pressione, l’intestino e il sistema nervoso.
E’ ipocalorico (33 calorie per 100 gr) ed è protagonista di diete che permettono di sgonfiare pancia e addome.

Quindi si può utilizzare in molti modi, crudo in insalata, così com’è a fette, in varie preparazioni, frullato o cotto in confetture.

E appunto oggi ho preparato una confettura di melone, dal momento che ora siamo in piena stagione di meloni ed in campagna se ne trovano tantissimi. E allora per non ingoiarli tanto per consumarli…ho optato per la confettura.

INGREDIENTI:

  • due meloni maturi
  • 350 gr zucchero
  • una busta di Fruttapec (per mantenere il colore e le vitamine)
  • due pezzi di cannella

Dopo aver frullato i pezzi di melone, li ho messi in una pentola e a freddo ho aggiunto lo zucchero e il fruttapec e la cannella.

Ho acceso il gas al massimo e dal momento della bollitura ho calcolato 5 minuti. Invasati a caldo e girati per il sottovuoto.

 

lo so…lo so..ai vasetti di recupero dovevo togliere la vecchia etichetta, ma vuoi il tempo, vuoi……insomma non ne avevo voglia (!!!)…quando saranno vuoti farò il lavoro completo. L’importante è recuperare il recuperabile per non buttare via ciò che si può ancora usare.

Questa confettura è molto buona con i formaggi, provatela.

 

 

 

Vacanze e caldo

Ormai sappiamo che questo grande caldo è dovuto ai cambiamenti climatici, anche se Trump dice non essere vero, però c’è e sembra che anche negli anni a venire potrebbe essere così.

Noi siamo scappati qualche giorno in montagna, sull’Appenino tosco emiliano, mai stati ed è stata una piacevole scoperta. Zona Passo del Cerreto, sullo spartiacque Emilia/Toscana, 1300 mt. quindi nulla da invidiare alle “vere montagne” anche se mancano le Dolomiti per es. Ma  montagne ricoperte interamente di boschi, faggeti e pini, e poi castagni e carpini. E poi laghetti incastonati in un ambiente con un sottobosco incredibile, con tanti fiori e felci. E tanto silenzio e fresco.

Il tempo è stato bellissimo e si poteva respirare, alla sera? La felpa !!!. per ammirare le lucciole nel lago.

Questo era il nostro albergo, proprio sulle rive del piccolo lago del Cerreto

 

e questa la vista dalla finestra della camera

 

e qui abbiamo conosciuto due persone di Reggio Emilia, straordinarie, con le quali abbiamo passato delle piacevoli ore, anche giocando a carte, come si fa nelle vacanze che si rispettino.

e poi passeggiate nei boschi. (percorso vita !!!!!!!)

meraviglia della natura….(foto sotto….)

 

cercando le case degli Elfi

 

il nostro albergo ha ospitato un raduno di vecchie fiat “600”…quanti ricordi…

 

 

oppss….fine della corsa

e fine della vacanza, in un posto indimenticabile.